Risk Management e Prevenzione

È davvero possibile prevenire i rischi? Oppure gli incidenti sono una fatalità non evitabile?

Davanti alla descrizione di alcuni eventi incidentali (indipendentemente dall’ambito in cui si verificano) talvolta la nostra percezione tradisce il desiderio di credere che non ci sia gran che da fare per prevenire….

Cosa significa in realtà “prevenire”? Sopratutto cosa significa “fare prevenzione” nella realtà lavorativa quotidiana affollata spesso dal molti altri problemi “più urgenti” da gestire? Forse è possibile argomentare a tale proposito che culturalmente il nostro approccio non è mai andato molto d’accordo con il concetto di Prevenzione. Operare per la prevenzione significa, in effetti, operare con anticipo ed anche con un certo livello di incertezza in quanto non conosciamo se e quando quello specifico evento che intendiamo prevenire si verificherà. E per di più, impiegare risorse lavorative per prevenire un evento che potenzialmente potrebbe anche non verificarsi può apparire superfluo, sopratutto in un periodo in cui le stesse risorse scarseggiano.

Affrontando la stessa problematica da un altro punto di vista risulta invece piuttosto evidente come eventi indesiderati si verificano in gran numero e con una certa frequenza! Soltanto l”analisi e l’interpretazione dei dati (interni ed esterni) consente di individuare situazioni ricorrenti, possibili correlazioni causa effetto.

Pertanto scopo dell’analisi è individuare con precisione le aree in cui intervenire al fine di indirizzare correttamente le azioni di prevenzione. Prevenire diventa pertanto intervenire esattamente dove è bene intervenire e soprattutto per tempo prima che sia troppo tardi!!!

La Gestione del Rischio (Risk Management), in tale ottica, è una attività che assume carattere strategico nel momento in cui dando attuazione al piano delle misure di prevenzione è possibile agire sulla riduzione dei costi dovuti alle inefficienze, sulla integrazione della partecipazione dei lavoratori con la progettazione del miglioramento e sull’aumento del benessere organizzativo nel suo insieme attraverso il miglioramento del clima e il relativo aumento della produttività.

Per attuare correttamente un Risk Management si rende necessario mettere in comune due distinte professionalità: l’ingegnere e l’economista. Si rende infatti necessario conoscere i sistemi di produzione, il funzionamento degli impianti e la scienza dei materiali, ma anche avere delle solide competenze nell’ambito delle procedure amministrative collegate alla gestione del personale e nell’interpretazione dei dati statistici e delle previsioni econometriche.

Il Risk management è una attività assolutamente trasversale che richiede una comprovata capacità di analisi e valutazione dei costi/benefici, un intuito molto spiccato e una grande riservatezza.

LBC Consulting Studio si propone come partner dotato delle competenze necessarie per attuare il Risk Management in maniera integrata rispetto alla Gestione Aziendale nel suo complesso mettendo a disposizione le professionalità richieste integrandole tra di loro.